Skip to main content

Come applicare il fondotinta

La base su cui poggia il make up è il fondotinta: ne esistono di tutti i tipi, con formulazioni, texture e sfumature diverse a seconda della tipologia di pelle.

Tutto quanto riguarda il fondotinta, dalla scelta alla sua applicazione, influisce sensibilmente sulla buona riuscita dell’intero make up ed è proprio per questo che è fondamentale sapere come applicare il fondotinta correttamente.
Gli strumenti adatti
Per l’applicazione, Fernando della Maison Gil Cagnè consiglia di utilizzare una spugnetta sintetica in lattice schiumata o in nitrile per stenderlo.

Spugnetta
Spugnetta sintetica in lattice

Non utilizzate mai le dita: eviterete così che il sebo dei polpastrelli si mescoli al prodotto e ne alteri la composizione chimica e la consistenza.
La spugnetta deve essere preferibilmente di forma triangolare: più comoda ed efficace, in quanto permette di stendere il prodotto alla perfezione anche nelle zone più particolari del viso, quali dotto lacrimale o ala del naso.
Molti riutilizzano spesso la stessa spugnetta, lavandola più volte: in questo caso è importante stare attenti a farla asciugare bene, per far sì che non si accumuli umidità al suo interno. Tuttavia, dato il loro basso costo, è preferibile utilizzarle in monouso, come usa e getta.
Ma come utilizzare la spugna per fondotinta?
Spugnetta per il fondotinta
Come utilizzare la spugnetta per il fondotinta

Il mio consiglio è di tamponare.
Se applico il fondotinta tamponando con la spugnetta, ottengo una maggiore copertura. Se invece la strofino e trasporto il prodotto facendo scivolare la spugnetta, ho una copertura più trasparente. Una buona soluzione è alternare le due tecniche, a seconda della condizione e delle zone di pelle sottostante”.
Altri make up artist preferiscono ricorrere al pennello da fondotinta piuttosto che alla spugnetta: per il fondotinta compatto, è preferibile scegliere un pennello di forma conica; mentre per il fondotinta fluido, sarà più indicato un pennello a lingua di gatto.
Pennello fondotinta
Pennello per il fondotinta

Il motivo per cui prediligo la spugnetta sta nel fatto che, quando si utilizza il pennello, possono evidenziarsi eccessivamente le striature delle pennellate!
Un’alternativa a spugnetta e pennello è la tecnica dell’aerografia, grazie alla quale la base viene stesa in modo molto veloce e che garantisce un risultato particolarmente naturale, senza la pesantezza del fondotinta.
Questa è però una tecnica propria dei truccatori, perché è importante conoscere lo strumento e sapere come dosare il colore, inoltre è particolarmente consigliata per truccare superfici estese, come viso e décolleté.
Da dove iniziare
Come applicare il fondotinta
Come applicare il fondotinta

Per applicare il fondotinta, il consiglio dell’esperto è quello di partire dalla zona mentoniera: dal mento risalire verso le guance, passando per la zona temporale fino ad arrivare alla fronte, truccando prima metà viso e ripetendo l’operazione anche sull’altra metà.
Non applico mai il fondotinta sulla zona della palpebra mobile” precisa Fernando “perché per gli ombretti utilizzo l’effetto wet&dry”.
Con effetto wet&dry, la polvere viene miscelata con l’acqua, in un rapporto di quasi 50 a 50, passando da ombretto in polvere a ombretto in crema: una volta steso velocemente con il polpastrello su tutta la palpebra mobile, l’acqua evapora, il pigmento si fissa e non vengono a formarsi le linee trasversali sulla palpebra mobile.
Attenzione agli errori!
Un errore comune a molti nello stendere il fondotinta, è quello di non applicarlo su tutto il viso: ci si ferma alla zona mandibolare, creando un distacco dal viso al collo oppure si dimentica di stenderlo anche sulle orecchie.
È molto importante invece applicare il fondotinta su tutto il viso, evitando il distacco tra zone diverse e senza dimenticare l’attaccatura dei capelli, il passaggio dal viso al collo.
Applicato il fondotinta, questo deve essere fissato con una cipria micronizzata, che sia neutra, albicocca o lilla, a seconda dell’incarnato.
Come scegliere il fondotinta e la cipria giusti?
Come fondotinta, Fernando consiglia:

  • Il fondotinta Flawless, di tipo semifluido, ad alta definizione e dall’effetto levigante, grazie ad un mix di esapeptide e acido ialuronico; particolarmente adatto per le pelli secche, disidratate e mature, perché non appesantisce e non evidenzia le linee del viso;
  • Il fondotinta liquido Skin Illusion, impalpabile ed invisibile, che si fonde completamente, copre le piccole discromie e conferisce un aspetto sofisticato e delicato; perfetto per le pelli miste e lucide, grazie alla sua formazione strategica oil-free;
  • Il fondotinta compatto, ricco di minerali e oli nutrienti, dal finish estremamente setoso e dotato di filtri fisici e chimici ad ampio spettro solare e antiossidanti; nutre la pelle e la protegge dagli agenti di stress quotidiani;
  • Il fondotinta Wet&Dry, compatto in polvere ed utilizzabile sia asciutto, per un rapido ritocco, che bagnato: la sua caratteristica infatti è quella di trasformarsi da polvere in crema finissima ad alta coprenza, grazie ai minerali micronizzati.

Per quanto riguarda le cipria, invece:

  • la cipria 101 albicocca, per le pelli mediterranee, che corregge il colore olivastro della pelle;
  • la cipria 102 lilla, per un look diafano, adatto a pelli chiarissime, servizi fotografici e trucchi sposa;
  • la cipria 103 neutra, adatta a tutti i tipi di pelle, in quanto non ne altera il colore.

Infine, Jean Klebert Gil Cagne Up Lifting Fluid , da applicare sulla pelle pulita e mai abbinato ad altre formule idratanti o lenitive: il suo contenuto di acido ialuronico, apporta un’eccellente idratazione alla pelle, mentre l’estratto di mirtillo evita l’arrossamento della pelle, la sericina crea un effetto lifting, il collagene marino mantiene la pelle idratata a lungo per garantire al vostro make up una migliore tenuta.

Jean Klebert Gil Cagne Up Lifting Fluid
Jean Klebert Gil Cagne Up Lifting Fluid

E ricordate: un’ottima base è il punto di partenza per un make up di successo!

Trucco uomo a prova di imperfezioni

Quante volte, guardando una sfilata, avete invidiato i modelli in passerella, pensando che abbiano una pelle perfetta?

Niente di più falso.
Sappiate, infatti, che in ogni backstage ci sono tanti make up artist, che lavorano a colpi di fondotinta e correttore, per rimediare ad ogni piccola imperfezione.
È il loro sapiente lavoro che evita il finto e innaturale “effetto maschera”.
In questo modo, ogni modello appare perfetto, mentre in realtà sono tanti i trucchi per farlo apparire tale: labbra secche da levigare, occhiaie, brufoli e macchie da camuffare, pelli stanche e spente da illuminare.
In particolare, per un uomo sono due le problematiche principali a cui far fronte:

  • Lo spessore della pelle: in quanto più spessa di quella di una donna, tende a produrre sebo in quantità maggiore;
  • Le irritazioni post rasatura.

Il trucco per uomo deve essere ancor meno visibile di quello femminile.
È importante che ci sia, ma che non si veda.
In passerella deve sfilare il messaggio che migliorarsi non significa perdere virilità né stravolgere l’aspetto originale.
Al contrario, migliorarsi significa esaltare bellezza e raffinatezza.
Tuttavia, bisogna farlo nel modo giusto.
Vediamo quindi come procedere per realizzare un trucco per uomo semplice, ma efficace.
Primo step: detergere bene il viso.
La pulizia deve essere quotidiana, la mattina e a fine serata, per rimuovere le tracce di sebo, smog e polveri depositatesi sulla pelle nel corso della giornata.
Un consiglio che posso dare è di utilizzare un gommage delicato, un paio di volte a settimana.
Secondo step: realizzare una base adeguata.
Per nascondere le imperfezioni del viso con naturalezza, optate per un fondotinta Wet & dry di Gil Cagné in polvere micronizzata, da applicare con un pennello da cipria o in alternativa per una BB cream, Prime BB cream beauty bald di Mac.

WET & DRY
Fondotinta Wet & Dry

Questi prodotti donano una finitura opaca, il tono della pelle ne risulta immediatamente migliorato e le imperfezioni sfocate.
Scegliete sempre una tonalità simile al colore della pelle su cui andrà applicato.
Molto importante è l’utilizzo del contorno occhi.
Io consiglio Hydra Lift Yeux 100 di Maria Galland, a base di cellule staminali vegetali, cera di grano saraceno e glicosaminoglicani, che riducono le occhiaie e le borse sotto gli occhi.
Hydra Lift Yeux 100
Hydra Lift Yeux 100 di Maria Galland

Terzo step: attenzione ai dettagli.
Un trucco che si rispetti non può non curare in modo adeguato anche i particolari: occhi, sopracciglia e labbra.
Potete utilizzare una matita per il riempimento di eventuali vuoti all’interno del sopracciglio e fissare il tutto con un apposito fix, per ottenere un sopracciglio più intenso e ordinato.
Per le labbra, scegliete un balsamo protettivo con sfere di collagene marino: dona un aspetto turgido e morbido, riempie le microrughe e aumenta il volume.
Dunque, il segreto non è avere una pelle perfetta, ma sapere come rimediare alle naturali imperfezioni che la caratterizzano.
E chi può farlo meglio di uno gruppo di esperti make up artist di un backstage?

Make Up sposa a prova di emozioni

Il grande giorno è arrivato e tutto deve essere pronto per l’occasione.
Il make up artist svolge un ruolo fondamentale nel rendere perfetta questa giornata.

Vediamo insieme i punti su cui è importante concentrarsi per realizzare un trucco sposa semplice, ma efficace e duraturo!
Una parte fondamentale del make up sposa è sicuramente la preparazione della pelle, per garantire una luminosità e una tenuta adeguate.
Per iniziare, applicheremo sul viso un primer.

Primer viso
Prima di iniziare applicheremo il primer

Fate attenzione ad utilizzarne uno non siliconico, che ostruisca i pori; optate piuttosto per un primer idratante e levigante, arricchito con collagene ed estratto di mirtillo, in modo che i prodotti che andrete ad applicare successivamente riescano ad aderire bene alla pelle.
Anche il primer labbra è molto importante: deve svolgere una funzione lenitiva, per prevenire e attenuare eventuali screpolature.
Trucco labbra
Trucco labbra

Io consiglio il Lip Balm di Gil Cagnè, che contiene filtri UVA e UVB, olio di mandorle dolci e sfere di collagene marino. L’olio di mandorle dolci svolge un’azione protettiva contro gli agenti atmosferici, mentre le sfere di collagene marino conferiscono alle labbra un aspetto turgido e morbido, riempiendone le microrughe e aumentandone il volume.
Non dimenticate di opacizzare il vostro make up con una cipria in polvere libera, che dona all’incarnato una perfetta “satin light”.
Il mio consiglio è di puntare su polveri beige-dorate, per pelli leggermente abbronzate, e su polveri beige-rosate, per pelli più chiare.
Aggiungete il mascara, rigorosamente waterproof e preferibilmente volumizzante, in modo da enfatizzare lo sguardo.
Personalmente, amo il trucco correttivo per la sposa, ma dall’effetto più naturale possibile, per valorizzare la naturale bellezza della donna, mettendone in luce i pregi e coprendo eventuali imperfezioni.
Per definire al meglio la forma dell’occhio, potete giocare con le sopracciglia, che sono una parte fondamentale del viso di una donna: evitate di appesantirne con il trucco la parte iniziale, evitando così di indurire lo sguardo.
Trucco occhi
Trucco occhi

Tocco finale è il rossetto: potete spaziare dai toni naturali fino a quelli più intensi.
Come scegliere quello più adatto?
La risposta è nella personalità e nel sorriso della sposa.
Realizzato il vostro make up, la domanda che ci si pone da subito è: durerà fino alla fine dell’evento?
Se il trucco è ben fatto, sì e alla sposa non occorreranno molte cose per ritoccarsi.
Tuttavia, la giornata sarà impegnativa e ricca di emozioni, per cui consiglio di portare sempre con sé:
una cipria compatta, per opacizzare alcune zone più rischiose come la zona T, fronte, naso e mento;
un gloss, per avere labbra sempre impeccabili;
uno spray a base di acqua termale, per fissare il trucco e donare un effetto di freschezza e naturalezza.
Quello del matrimonio è uno dei giorni più importanti nella vita di una donna: sta a voi renderlo perfetto!

  • 1
  • 2